GTA: The Trilogy, Rockstar si scusa per i “problemi inaspettati”

I giochi originali torneranno su PC, gratis per chi ha comprato la trilogia

Notizia di Jury Livorati

Anche i grandi possono sbagliare. È il caso di Rockstar Games, che pur essendo universalmente riconosciuta come una grande software house sembra aver compiuto un significativo passo falso con il lancio di Grand Theft Auto: The Trilogy – The Definitive Edition. Le lamentele degli utenti e le segnalazioni della stampa videoludica riguardanti i numerosi bug, problemi e imperfezioni delle tre versioni rimasterizzate degli storici giochi non sono passate inosservate al colosso dell’intrattenimento. Sul sito ufficiale, infatti, è comparsa nelle scorse ore una nota di scuse che non cerca attenuanti, a parte il fatto di riferirsi ai problemi come “inaspettati”.

Vorremmo fornire un aggiornamento circa gli inaspettati problemi tecnici che sono emersi con il lancio di Grand Theft Auto: The Trilogy – The Definitive Edition. Per prima cosa vogliamo scusarci sinceramente con chiunque abbia incontrato questi difetti giocando. La serie di GTA – e i giochi che costituiscono questa trilogia iconica – sono speciali per noi quanto lo sono per i fan in tutto il mondo. Le versioni aggiornate di qyesti classici non hanno debuttato in una condizione che rispetta i nostri standard qualitativi, gli standard che i fan si aspettano da noi. Stiamo lavorando per risolvere i problemi tecnici e per migliorare i giochi di qui in avanti. Con ogni aggiornamento pianificato, i giochi raggiungeranno il livello di qualità che meritano.

Dopo aver segnalato alcune minacce personali ricevute sui social dagli sviluppatori e dopo aver chiesto che le critiche non sfocino nella violenza, anche solo verbale, Rockstar Games annuncia il ritorno delle versioni originali dei tre videogiochi per PC sul launcher proprietario. Non solo, ma chiunque abbia acquistato o acquisterà la trilogia rimasterizzata entro il 30 giugno 2022 si troverà anche i giochi originali nella libreria senza costi aggiuntivi.

Lascia un commento