Star Wars Jedi Fallen Order rifiutò una donna come protagonista del gioco: facciamo chiarezza

Respawn durante la produzione del gioco rifiutò una donna come protagonista

Notizia di Nicola Gargiulo

Un ex dipendente di Respawn Entertainment ha fatto chiarezza sulla questione riguardante la richiesta dei membri del team di rendere il protagonista di Star Wars Jedi: Fallen Order femminile e/o nero.

La risposta sarebbe stata incentrata sul fatto che il franchise di Star Wars aveva una protagonista femminile dopo Rey nei film e che il gioco aveva già due importanti personaggi di colore.

Nora Shramek, una lighting artist di Respawn che ha lavorato a Fallen Order, ha twittato (come sempre avrete il post in calce) che diversi dipendenti hanno spinto per avere un protagonista nero e/o femminile durante lo sviluppo, prima del lancio del gioco nel 2019, ma sono stati respinti perché il gioco e il franchise in generale, rappresentavano già queste comunità.

“Quando ho lavorato al gioco in questione, molti sviluppatori volevano e sostenevano che il protagonista fosse nero e/o donna”, ha dichiarato Shramek in un tweet scovato da GamesRadar.

Le ragioni apparentemente addotte per condurre al rifiuto della proposta, sono spiegate di conseguenza: “abbiamo già due persone di colore nel gioco” e “Rey anche è una donna e non possiamo fare anche questo gioco allo stesso modo”.

Fallen Order è stato pubblicato con un protagonista maschile bianco, Cal Kestis, che da allora è diventato una parte consolidata del business e del canone di Star Wars.

Successivamente ad altri Tweet e commenti, Shramek ha aggiunto che queste decisioni sono state prese direttamente da Respawn e non sono state il risultato di una “EA malvagia” o di una “Lucasfilm/Disney eccessivamente controllante”.

Ci sono 1 commenti

Lascia un commento