Xbox Game Pass ha un obiettivo semplice: conquistare il mondo

Phil Spencer e Satya Nadella hanno le idee piuttosto chiare

Notizia di Jury Livorati

Dopo la scoppiettante apertura dell’E3 con il Summer Game Fest di Geoff Keighley possiamo attenderci grandi notizie anche dall’imminente showcase congiunto di Xbox e Bethesda, fissato per il 13 giugno. Con un post sul blog ufficiale di poche ore fa, Microsoft conferma che la sua missione nel mercato videoludico è semplice e chiara: portare la gioia e il senso di comunità del gaming a chiunque nel mondo. Phil Spencer e Satya Nadella, rispettivamente capo di Xbox e CEO di Microsoft, hanno discusso dell’importanza dei videogiochi per la loro compagnia e hanno assicurato che l’evento in programma tra pochi giorni svelerà la migliore e più nutrita line-up di sempre.

Crediamo che i giochi, l’intrattenimento interattivo, non siano una mera questione di hardware e software“, ha spiegato Spencer. “Non si tratta di pixel. Si tratta di persone. I giochi avvicinano le persone. I giochi costruiscono ponti e creano legami, generando empatia reciproca tra individui da tutto il mondo. Gioia e senso di comunità: per questo siamo qui.

Il gaming è perfettamente allineato alla nostra mission aziendale“, ha rincarato Nadella. “Quando si parla dell’obiettivo di Xbox di portare gioia e senso di comunità a chiunque sul pianeta, cosa che adoro, ciò corrisponde all’obiettivo generale di Microsoft, che consiste nel valorizzare ogni persona e ogni organizzazione per raggiungere vette superiori. L’intera Microsoft come azienda ha fatto all-in sui videogiochi. I videogiochi sono il settore più dinamico nell’intrattenimento. Tre miliardi di utenti si rivolgono ai videogiochi per l’intrattenimento, per fare comunità, per liberare la creatività e per sentirsi realizzati. La nostra ambizione è dare valore a ognuna di queste persone, ovunque si trovino.

Microsoft si dice inoltre sicura di poter condurre da protagonista il ruolo di “democratizzazione” dei videogiochi. Le tre aree chiave in cui eccelle sono il cloud computing, le risorse da destinare a Xbox Game Pass e l’approccio votato al sostegno per i creatori di contenuti. Proprio Xbox Game Pass è oggetto di un aggiornamento statistico che mostra come gli abbonati giochino il 30% di generi in più e il 40% di giochi in più. Il 90% degli iscritti dichiara di aver provato un gioco a cui non avevano mai pensato grazie a Xbox Game Pass. Non solo, ma gli abbonati spendono il 50% in più sui contenuti aggiuntivi rispetto ai non iscritti.

Tra le altre cose, è stato annunciato che il servizio arriverà su alcuni smart TV come app integrata, con la sola necessità di un controller per accedere alla libreria di giochi. Microsoft sta anche valutando proposte di “noleggio” di console con Xbox Game Pass e di produzione di dispositivi da collegare ai televisori senza bisogno di una console vera e proprio. Con il potenziamento del servizio xCloud e l’espansione in nuovi mercati, senza dimenticare l’ampliamento e l’ottimizzazione dei data center in giro per il mondo, Xbox Game Pass si appresta a diventare un punto di riferimento per il gaming globale nei prossimi mesi.

Con più di ventitré studi nel mondo dediti alla creazione di giochi per Xbox, il nostro obiettivo è di portare almeno un nuovo gioco first party sul Game Pass a ogni quadrimestre. Giochi di ruolo, sparatutto, strategici, avventure e altri generi verranno coperti dai nostri studi per garantire un flusso continuo di esclusive da scoprire.” L’ambizione, insomma, non manca, e lo showcase imminente sarà un primo banco di prova per vedere se queste parole sono solo fumo e niente arrosto.

Xbox Game Pass

Lascia un commento