Max Payne 3 – Cartoline da San Paolo

Addio lunghi soprabiti invernali, benvenute camice a fiori

Galleria fotografica di Giuseppe Pirozzi

Il Brasile per iniziare una nuova vita lontana dal distretto di polizia, dal gelo newyorkese e dal ricordo della propria famiglia. Questo è il desiderio dell’ormai irriconoscibile Max Payne, rasato a zero e vestito con camice floreali rassegnato a trascorrere quel che gli rimane da vivere nell’anonimato di San Paolo, a combattere contro la dipendenza da alcohol ed antidolorifici sperando in fondo di perdere. Ma è di Max Payne che parliamo, uno che il piombo delle pallottole lo attira come il miele fa con gli orsi, ed ecco che un semplice lavoro da bodyguard alle dipendenze della facoltosa famiglia Branco si trasforma in una carneficina con tanto di esplosioni a catena, catapultando il povero Max nell’ennesima indagine per capire chi e cosa l’ha puntato.

Bullet time e morti in slow motion tra le stupende vie di San Paolo, prendetevi un momento ed apprezzate le fatiche di Max nella nostra gallery!

 

Ci sono 4 commenti

il Cinese

Io l’ho amato ‘sto gioco. Non subito, ma…

    RoastShinoda

    Bello è bello, forse perde un po’ nelle atmosfere dato che la NY invernale mista a revenge tragedy e soprabito lungo sono sempre affascinanti, ma anche San Paolo si difende molto bene

Lascia un commento