Mario Strikers: Battle League Football, la recensione diario

Il più tecnico degli sportivi di Mario

Recensione di Stefano Cherubini

Annunciato nel direct di febbraio, l’ultimo episodio di Mario Strikers ha sorpreso un po’ tutti. L’ultimo episodio risaliva a ben 15 anni fa ed era richiesto a gran voce, da tempo, un nuovo capitolo. Vista l’assenza prolungata era difficile prevederne il ritorno, né capire i motivi per i quali Nintendo abbia deciso di far riposare la serie così a lungo. Abbiamo dapprima messo le mani sulla demo per poi avventarci sul gioco finale a partire dal 10 giugno.

Se vi aspettavate il classico sportivo mariesco tutto leggerezza e divertimento, beh, rimarrete un po’ sorpresi…

Mario strikers recensione 2

La tecnica prima di tutto

Fin dal primo impatto col tutorial di gioco, si avverte la profondità di Mario Strikers. Le azioni messe a disposizione sono tante, precise e di una fluidità che lascia spesso di stucco. Passaggi alti e bassi danno il giusto ritmo all’azione, con la possibilità di compiere i passaggi di prima per evitare l’intercettazione della sfera. Ma bisogna stare attenti: se la sfera non può essere intercettata con un passaggio di prima, nulla vieta al vostro avversario di tirarvi letteralmente un calcio in faccia per sbattervi sulla rete elettrificata. Già, perché Mario Strikers è sì super tecnico ma non ha alcuna regola, se non quella di buttare la palla in fondo al sacco.

La miriade di gesti tecnici che si possono compiere non basta per vincere una partita, ma bisognerà anche tenere un buon posizionamente e, soprattutto, menare a più non posso. Attenzione però, perché picchiare senza limiti può essere controproducente se di fronte trovate un giocatore esperto capace di schivare i vostri colpi. La schivata, soprattutto se effettuata al momento giusto, elude completamente un avversario creando superiorà numerica e aprendo una voragine per un tentativo a rete. Da questo punto di vista, Mario Strikers assomiglia a un cross over tra un titolo calcistico e un picchiaduro.

Mario strikers recensione 3

Ipertiri e oggetti casuali

Come ogni sportivo di Mario che si rispetti, gli elementi casuali servono spesso per cercare di equilibrare partite impari e dare un certo brio all’azione. In questo caso, però, il modo in cui sono stati pensati li rende piuttosto strategici. Se colpirete un avversario a palla lontana, il pubblico non gradirà e lancerà un oggetto ai malcapitati di turno. Insomma, si può essere scorretti ma tutto ha un costo. Funghi, gusci e stellette vanno però usati con oculatezza poiché se usati al momento giusto in difesa o in attacco permettono di recuperare situazioni disperate.

L’ipertiro, utile per ribilanciare partite che sembrano ormai finite

Raccogliendo una sfera di energia si ha la possibilità di poter effettuare il cosiddetto ipertiro. Questa particolare azione, se portata avanti con successo, garantisce addirittura un doppio gol. Ma per poter attivare l’ipertiro bisogna liberarsi prima degli avversari e aver il tempo di caricarlo. Insomma, non è così facile attivarla e, con un po’ di esperienza, si riesce molto spesso a sabotarlo.

Nulla è prederminato

In queste prime ore di gioco ho avuto una forte impressione di come nulla, nel gioco, sia predeterminato. Niente momentum e niente fisica della palla che aderisce a regole prestabilite. Mi è capitato di vedere autogol pazzeschi, doppi pali finiti in rete, contrasti rocamboleschi e il tutto con un realismo che non passa di certo inosservato. Al momento è complicato confermare al 100% queste impressioni, ma insomma il lavoro fatto da Next Level sul comparto tecnico del titolo sembra davvero di primo livello e di uno step superiore rispetto agli sportivi di Camelot.

Mario strikers recensione 4

Un gioco per il multiplayer?

Al momento l’unico vero grande difetto del titolo sembra essere legato ai contenuti di gioco. Le coppe in single player sono poco più di un ottimo tutorial. Un peccato, considerando la bontà dell’intelligenza artificiale a difficoltà massima. La modalità multiplayer sembra essere il reale focus del titolo. Si possono invitare fino a 20 amici nel proprio club e tutti possono contribuire a migliorare il ranking della propria squadra, anche giocando in solitaria. Al momento, però, non essendo ancora cominciata una stagione, non ci è possibile poter valutare quest’aspetto del gioco. Restate da queste parti per la valutazione finale!

Lascia un commento