A Spasso col Nerd – Trip n.1, Amsterdam e il The Arcade Hotel

A Spasso col Nerd di Oscar Diliddo

Se è vero che ho proposto questa rubrica diverso tempo fa, è altrettanto vero che, pur avendo già diverso materiale a disposizione, non ho mai avuto modo di concretizzarla, scriverla e pubblicarla.
L’esperienza che mi si prospettava all’orizzonte, però, sarebbe stata talmente densa di nerditudine che era impossibile rimandare oltre il lancio della rubrica “A spasso col Nerd”.
Quindi, eccomi qui, appena tornato da Amsterdam, pronto a raccontare di come sia stato alloggiare in uno degli Hotel più affascinanti che abbia mai visto e, soprattutto, in cui mi sia mai capitato di alloggiare.

Trip n.1
Amsterdam, Olanda

The Arcade Hotel, il primo Gaming Hotel del mondo

Sono venuto a conoscenza dell’Hotel per caso, dove “per caso” si può leggere anche come: mia moglie stava prenotando l’hotel per la nostra gitarella ad Amsterdam e gli è saltato all’occhio il suddetto albergo.
Volendo mantenere l’effetto sorpresa abbiamo prenotato immediatamente il soggiorno, senza voler vedere neanche una foto, accertandoci solo che fosse un buon hotel in quanto tale, basandoci sulle recensioni e sui pareri online (tutti oltremodo positivi).

Arrivati davanti all’hotel, vicinissimo ad una stazione della linea metropolitana principale (ma sulla posizione ci torneremo poi), al suo interno si nota sin da subito un’atmosfera sorprendente.
Dalla strada, attraverso la vetrata che affaccia sulla Hall, si possono già notare diversi tratti distintivi dell’hotel. Subito si notano quattro televisori a tubo catodico con altrettante vecchie console (Atari 7800, NES, SEGA Mega Drive II, PlayStation) collegate ad esse, feticci collezionistici sparsi in giro ed una parete piena di giochi in esposizione.
Una volta varcata la soglia dell’ingresso, sulla sinistra, appare un cabinato “fatto a mano”, che regala la possibilità di sedersi e giocare, anche contro un avversario, ad una smitragliata di giochi da sala fatti girare con l’immancabile e sempreverde M.A.M.E.
Nella stessa area, nelle pareti, trovano spazio librerie zeppe di fumetti a libero consumo, una serie di oggettini da collezione e quadri spiccatamente nerd.

Insomma, già prima di effettuare il check in si è letteralmente catapultati in una dimensione tanto particolare (rispetto al classico contesto di hotel), quanto sorprendentemente familiare e piacevole.
Si percepisce subito che, chi alloggia in questo posto e chi lo gestisce, non sarà mai in grado di giudicare la passione altrui, ma sarà altre sì portato a supportarla e a condividerla, magari facendo qualche partita assieme.

Le stanze

Il momento del check in viene enfatizzato dal vedere per intero la parete zeppa di giochi dietro il concierge. Sono a dozzine, da quelli per Atari 7800 ai giochi PlayStation 4, passando per NES, SNES, Mega Drive, PlayStation, Nintendo 64, PlayStation 2, Xbox e via dicendo.
Arrivato il momento di varcare la soglia della piccola ma confortevole e pulitissima stanza, si scopre che in ogni camera, oltre il letto, il bagno, un tavolino e luci al neon da impostare a piacimento, trovano spazio anche una tv, una NVIDIA Shield ed una retroconsole (a noi è capitato il Nintendo 64, manco se mi conoscessero).
Entrambe le macchine presenti sono liberamente utilizzabili. Lo Shield si può apprezzare grazie al servizio GeForce NOW attivo e per la possibilità di guardare Netflix (utilizzando, ovviamente, il proprio account personale). Per la seconda console, invece, si possono prelevare fino a due giochi al giorno dalla parete piena di giochi che sta al piano terra.
La nostra stanza era una semplice doppia, ma l’Hotel offre anche camere triple e quadruple, tutte fornite di retro console e NVIDIA Shield.
Lo stile minimal, il design ad icone gialle e le indicazioni varie che si notano nella hall, vengono ripropose in tutte le grafiche presenti nell’hotel e nelle stanze. Inutile dire che danno un ulteriore tocco di personalità all’albergo.

Non solo Retrogame

Alle spalle della reception c’è una sala in cui è la modernità a farla da padrone. Due scrivanie ad angolo sono infarcite di PC MSI di ultima generazione liberamente utilizzabili per giocare ad una moltitudine di giochi.
Nella parte centrale della stanza splendidamente arredata e illuminata, trovano spazio due televisori collegati a tutte le console attuali e della scorsa generazione, alle quali si può giocare stando comodamente stravaccati su comodissimo divano a due piani. Nell’ultimo angolo trova spazio la realtà virtuale, con un HTC VIVE ed un MSI VR One, il PC da mettersi come zainetto e giocare in RV in completa libertà. Sì, me lo sono dovuto andare a cercare. Ammetto che non avevo idea di cosa fosse.
Insomma, la stanza del piacere è davvero intrigante, liberamente utilizzabile dagli ospiti dell’hotel per un’ora al giorno. Anche se, in realtà, nessuno ci ha mai realmente controllato o limitato in alcun modo.

Prezzo

Il prezzo delle camere dal sito ufficiale non è sempre a buon mercato, ma grazie ai vari siti di ricerca hotel (Booking.com, Trivago ecc..) e selezionando periodi intelligenti o che, magari, non comprendano il week end, è facile trovare ottime offerte. Noi, ad esempio, abbiamo risparmiato oltre il 40% sul prezzo di listino, andando a pagare pure meno di un B&B qualsiasi.

Le altre cose che servono

Anche se è possibile perdere piacevolmente un sacco di tempo all’interno dell’hotel, deve essere altrettanto piacevole alloggiarci e girare per la città in comodità. Quindi, come si comporta l’hotel in quanto a servizi e posizionamento?
La posizione è assolutamente perfetta. Situato in una zona poco turistica e molto tranquilla, ha vicino a sé tutte le cose necessarie: fermate di metro e tram, un parco, la zona dei musei, la vecchia fabbrica dell’Heineken (e quindi comodo per chi voglia fare il tour Heineken Experience), supermercati e alcuni dei migliori negozi per la quale Amsterdam è famosa. In due parole: posizione perfetta.
L’albergo offre anche la possibilità di noleggiare bici, il mezzo di trasporto ufficiale di Amsterdam, la possibilità di fare colazione, un bar e un paio di gatti da coccolare come se non ci fosse un domani.

Quanto è Nerd Amsterdam?

Abbastanza. Se non bastasse l’hotel ad impennare il Nerdometro della città, ci sono alcune chicche tutte da scoprire.
Oltre a consigliare, ovviamente, la visita del centro storico, dei musei, dei canali e dei quartieri distintivi della città, dovreste proprio segnarvi questi due o tre luoghi di interesse.

Gli studi Guerrilla

Esatto. Gli studi dei talentuosi Guerrilla (Killzone, RIGS, Horizon Zero Dawn) sono ad Amsterdam. Il grande edificio che ne ospita gli uffici è facilmente raggiungibile e, qualora vogliate fare qualche foto ricordo, la loro hall è aperta al pubblico. Potrete quindi ammirare alcuni quadri, il bancone centrale e farvi fotografare vicino ad uno dei robot camminatori di Horizion Zero Dawn a grandezza naturale.

Heineken Experience

Non si tratta di giochi, vero. Però la visita alla vecchia fabbrica della birra olandese più famosa al mondo è comunque piacevole ed interessante. Con 18 euro visiterete la fabbrica, carpirete i segreti ed i passaggi che portano l’acqua diventare birra e vi verranno offerte due birrette e mezzo.

Museo di Van Gogh

Uno degli artisti più apprezzati della storia. Non visitare il museo sarebbe un vero peccato, e non solo per gli appassionati di arte. Poi diciamocelo, chi più di Van Gogh può essere considerato un “nerd”!?

Il negozio “Game Over?”

Attraversando la piazza della Stazione Centrale di Amsterdam si può raggiungere uno dei negozi più interessanti della città. No, i funghetti non c’entrano. Si tratta infatti di un negozio, fornitissimo, di retrogame di ogni tipo. Console, giochi, tamagochi, Game e Watch e una marea di dischi di j-pop e j-rock! Una piccola Akihabara nel centro di Amsterdam.

I negozi “POPCULT”

Disseminati un po’ ovunque ci sono negozi dove trovare cappelli, magliette, felpe ed accessori dedicati alle saghe videoludiche o ai fumetti più in voga. Questi negozi dimostrano come Amsterdam abbia accolto a piene mani il rinnovato e rinvigorito business inerente alla cultura POP/Nerd.

The Arcade Hotel, così come le altre attrazioni nerd citate, dimostrano come Amsterdam accolga qualsiasi tipo di cultura e qualsiasi tipo di piacere o passione. Facendo sentire tutti accettati e mai giudicati. Quale che sia la vostra passione o il vostro desiderio e qualsiasi tipo di fungo vi piaccia mangiare, digitale o non, Amsterdam ha qualcosa per voi.

Link utili: https://www.arcadehotel.nl/

Lascia un commento