Allenarsi in estate con le musiche dei videogiochi

Rimettetevi in forma con questa esplosiva compilation di esercizi e brani a tema videoludico!

Speciale di Giacomo Bornino

State dando gli ultimi ritocchi alla vostra forma fisica per la prova costume, ma il caldo vi ha privati di qualsivoglia forma di energia? Vorreste disperatamente uscire a fare un po’ di attività, ma il vostro cuore è sereno solo di fronte a uno schermo? Nessun problema, ci pensiamo noi al vostro benessere! Con questa rockeggiante compilation di esercizi e brani a tema videoludico non avrete davvero più scuse per non fare un po’ di sano movimento, unendo il proverbiale utile al dilettevole.

Come vedrete voi stessi, ogni proposta delle seguenti può essere svolta anche all’aria aperta, evitando così di dovervi rinchiudere in una palestra per svolgere il vostro allenamento. Provate combinazioni diverse degli esercizi qui sotto, eseguiteli in serie fissa oppure all’interno di un adrenalinico circuito, incrementate gradualmente il numero di ripetizioni, sperimentate. E divertitevi, che non guasta mai.

Siete pronti? Si comincia!

1. Uscire di casa – Persona 5 – Wake Up, Get Up, Get Out There

Alle volte si sa, la parte più difficile dell’allenamento è proprio trovare la voglia di alzare il fondoschiena e andare a versare un po’ di sudore. Un’impresa tutt’altro che semplice quando fuori casa ci sono 40 gradi all’ombra, ma con la giusta colonna sonora, niente è impossibile. Le note della opening di Persona 5 sono qui proprio per aiutarvi ad afferrare il maledetto borsone e dirigervi spediti verso la porta. Caricatevi così!

2. Riscaldamento Leggero – Kingdom Hearts – Simple and Clean (Cover By Elan Vital)

Che decidiate di fare una corsetta all’aperto per scaldarvi o di sedervi in sella a una cyclette, Simple and Clean è il brano che fa per voi. Nel caso specifico abbiamo optato per la versione cantata dalla band heavy metal Elàn Vital, un’interpretazione potente ed energica che con il suo crescendo continuo vi preparerà alle fatiche che verranno. La Battaglia dei Mille Heartless sarà nulla a confronto di ciò che vi aspetta!

3. Piegamenti sulle Braccia/Panca Piana – Call of Duty Black Ops II – Carry On

E’ giunto il momento di fare sul serio, il tempo del cazzeggio è finito. E cosa potrebbe esserci di meglio per rompere il ghiaccio se non uno dei tanti pezzi composti dagli Avenged Sevenfold per la saga di Call of Duty? 4 minuti di puro Hard Rock tratti direttamente da Black Ops 2 sono tutto ciò che vi serve per cominciare a spingere: fate vedere a Menendez chi comanda!

SUGGERIMENTO: cercate di mantenere il busto in linea retta con i glutei alti, ponete le braccia a circa una spanna di distanza dalle spalle e gustatevi il meraviglioso dolore delle fibre del petto che si contraggono durante la risalita. 

4. Dip alle Parallele/Distensioni tra le panche – Quake – Main Theme

Potente come uno sparachiodi, incazzoso come un Grunt, l’iconico tema principale di Quake non poteva mancare nella nostra scaletta. Composto niente meno che da Trent Reznor, il geniale leader dei Nine Inch Nails, questo pezzo vi aiuterà a sfinire definitivamente la catena muscolare petto-tricipiti. Stringete i denti e preparate quelle braccia ad ogni evenienza: non vorrete mica farvi trovare impreparati nel caso doveste impugnare una BFG, vero?

SUGGERIMENTO: potete eseguire la seconda variante di questo esercizio appoggiando le mani su un qualsiasi rialzo con i piedi a terra e il busto sollevato. Guardate dritti davanti a voi e mantenendo la schiena dritta e i gomiti stretti, eseguite un piegamento delle braccia fino a quando i gomiti non descriveranno un angolo di circa 90°, a quel punto, sempre con le braccia parallele tra di loro, avvolte intorno al corpo, spingete verso l’alto e tornate in posizione di partenza. 

5. Affondi in Avanzamento – Death Stranding Release Date Trailer – Path

Croce e delizia di ogni palestrato, è giunto il momento anche per voi di tonificare quei dannati quadricipiti! Allenare le gambe, si sa, comporta fatica e disperazione, ed ecco perché, giusto per cominciare, abbiamo deciso di calare leggermente l’intensità con l’ausilio del pezzo scelto da Kojima-Sensei per annunciare la data di uscita del suo Death Stranding. E così, un passo dopo l’altro, trasportati dai gotici violini degli Apocalyptica, arriverete alla fine di Path e della vostra serie di affondi. (Sì è vero, sto barando a tutti gli effetti perché questa è solo la colonna sonora scelta per un trailer, ma non potevo fare altrimenti: sono in fissa con questa canzone da oltre un mese, godetene anche voi!)

SUGGERIMENTO: dalla posizione eretta, eseguite un ampio passo in avanti e scendete con il busto fino a sfiorare terra con il ginocchio della gamba posteriore. Prestate attenzione a mantenere ben distribuito il peso corporeo su tutta la pianta del piede avanti e, come indicazione di massima, evitate di superare con il ginocchio della gamba anteriore il vostro alluce. 

6. Squat – Alan Wake – Children of the Elder God

Re indiscusso degli esercizi, per squattare come si deve avrete bisogno di tutta la carica possibile. Rivolgetevi allora agli antichi Dei di Asgard e infondete le vostre gambe dell’energia di Children of the Elder God, il pezzo che accompagna una delle sequenze più spettacolari di tutto Alan Wake. Fate vedere a quella chiavica di scrittore chi comanda e scolpite quei glutei sulle note dei Poets of the Fall, in compagnia dei super svitati Fratelli Anderson!

SUGGERIMENTO: per la variante a corpo libero dell’esercizio posizionate i piedi alla larghezza delle spalle con le punte dei piedi leggermente aperte. Inspirate bene, contraete l’addome e scendete con il busto fino ad avere almeno l’anca parallela al terreno. Come per gli affondi, badate bene di avere il carico distribuito lungo tutto l’arco plantare ed evitate di sollevare i talloni durante la discesa. Una volta raggiunta la cosiddetta “buca” mantenete le ginocchia salde e contraendo glutei e quadricipiti tornate nella posizione di partenza. 

7. Trazioni – Devil May Cry V – Devil Trigger

Se pensavate che completare la saga a difficoltà “Inferno o Inferno” fosse l’impresa più ardua che poteste accettare, bè, dovrete ricredervi subito. Alle trazioni purtroppo non c’è scampo: sono dure, sono impietose, sono ineluttabili! Con loro non si può scendere a compromessi e non vi ci si può sottrarre, dovrete soffrire, senza se e senza ma, non esistono scorciatoie o varianti semplificate. Ma vi garantisco che nel momento stesso in cui porterete il mento oltre la sudata sbarra, sarete più appagati di quando avete platinato il vostro primo Souls-like!

Ovviamente per riuscire nell’impresa non sarete soli, ma ad aiutarvi troverete infatti l’indiavolato main theme che accompagna Nero nell’ultima incarnazione del brand. Ve lo dissi già ai tempi della recensione: questo è un pezzo che non può assolutamente mancare nella vostra playlist! Dopo i primi 60 secondi vi sentirete già in grado di piegare il metallo con le vostre mani e volerete con quei dorsali! S-S-S-avage!

8. Burpees –  Metal Gear Rising: Revengeance – It Has To Be This Way

“It has to be this way” – “Deve essere così” recita il titolo del brano che accompagna Raiden nel suo epilogo e non potrebbe esistere conclusione più adeguata per i vostri sforzi! Ma prima del meritato riposo, un ultimo ostacolo vi attende, il più temibile di tutti, quello capace di non farvi dormire la notte: siete arrivati al Boss Finale. Provati dagli esercizi precedenti con il cuore in gola e già doloranti ovunque, lo scontro definitivo con il burpees vi attende!

Vi butterà a terra, vi schiaccerà, vi farà mancare il respiro, non vi darà tregua, ma voi implacabili vi rialzerete, ancora e ancora, e come ogni eroe che si rispetti, porterete a termine la vostra missione!

SUGGERIMENTO: dalla posizione eretta, accucciatevi e appoggiate le mani a terra. Distendete quindi le gambe indietro e sfiorate terra con il busto, dopo di che rannicchiatevi di nuovo ed esplodete verso l’alto con un salto, battendo le mani dietro la nuca inspirando a pieni polmoni. E ripetete. Il più velocemente possibile! 

9. Sit Ups + Plank – God of War – Main Theme (Orchestra E3 2016)

Per un addome in grado di resistere alle castagne di Baldur, ma capace soprattutto di far cadere ai vostri piedi qualsiasi avvenente signorina come il buon Kratos insegna, questi sono gli esercizi che vi servono e questa è la traccia perfetta per accompagnarli. Le epiche note della colonna sonora dell’ultimo God of War vi faranno ripensare con un potente moto d’orgoglio alle fatiche che avete appena portato a termine e vi ricaricheranno quelle ultime due molecole di ATP necessarie a finire in bellezza il workout: complimenti, siete dei degni spartani!

SUGGERIMENTO: per il plank assicuratevi di mantenere il busto in linea retta, contraendo i glutei e tenendoli all’altezza delle spalle. Inspirate profondamente, gonfiando la pancia per aumentare la pressione intra-addominale, ed espirate lentamente, rendendo più efficace l’esercizio. 

Bonus Track. Doccia – Super Mario Odyssey – Jump Up, Super Star!

Per concludere in bellezza, non poteva certo mancare un brano da fischiettare allegramente sotto la doccia! E quindi quale idea migliore se non quella di rivolgerci a Nintendo per un motivetto capace di tenere compagnia a tutte le endorfine sprigionatesi dopo l’allenamento? Stanchi come se foste appena usciti da uno scontro all’ultimo sangue con Bowser, ma soddisfatti come un idraulico a casa di Peach, godetevi così il meritatissimo riposo!

 

Ci sono 4 commenti

ciuvi

Mi sono sempre prefissato di mettere nell’ipod una cartella con le ost più fighe dei videogiochi, ma ogni volta ho procrastinato, mi sa che ora non ho più scuse

nDrake

Ma che figata ahaha Big up!

Moriet_Riberick

In questi giorni di relax, un po’ di attività fisica è d’obbligo. Quale metodo migliore che accompagnarla con musica Power-Up. Grazie Boss. La aspettavo… 😉🍻

Lascia un commento